Il 26 ottobre, in occasione di SMAU, ASSINTEL ha presentato Assintel Report+, la piattaforma digitale dell’IT in Italia, con i dati e i trend del mercato, disponibile su web e app. Il sondaggio, che contiene le opinioni di 1000 top Decision Maker, ha messo in evidenza una crescita del 3,1% per il digitale in questo 2016.

ASSINTEL REPORT+ 2016

Assintel Report+ 2016

Assintel Report+ mette in evidenza che la trasformazione digitale italiana è guidata da quattro asset strategici, chiamati Digital Enablers, i quali valgono complessivamente 7,4 miliardi di euro con un tasso di crescita pari al 16% rispetto al 2015: l’Internet of Things registra le migliori performance (+22%) seguito dai progetti di Customer Journey (+13.6%), Big Data (+16,2%) e Cyber Security (+6,1%). A questi si aggiunge anche la crescita in ambito Software, soprattutto per quanto riguarda il Digital Marketing (+31,2%), il Cloud Computing (+19,5%), la Business Intelligence (+13,6%) e il Mobile Enterprise (+13%).

Secondo il rapporto di Assintel, gli investimenti nell’IT è una costante per tutte le Industry. I settori trainanti risultano essere quello dell’ Utility e l’Insurance con una crescita degli investimenti che si attesta a +4,9%, seguiti da Trasporti e Logistica (+4,8%), Banche (+3,6%), Telco (+3,4%), Industria (+3,7%) e per finire Commercio/Distribuzione/Servizi che riparte con un +2,6%.

Nota di merito per l’eCommerce B2C che quest’anno vale 19 milioni di euro e registra una crescita pari a +17,2%. I settori trainanti del commercio elettronico sono Turismo, Food, Moda e Abbigliamento.

I mercati collegati alla Pubblica Amministrazione stentano a decollare o quasi, PA Centrale e Sanità crescono rispettivamente del +2,3% e +1,9% mentre per gli Enti Locali pare non ci sia innovazione, registrano infatti un dato dal segno negativo, – 2,1%.

Cosa ci aspetta per il prossimo anno? Quali sono le previsioni per il 2017? I 1000 CIO intervistati da Assintel sembrano confermare il trend di crescita. Il 34% dei rispondenti infatti dichiara di voler ampliare il proprio budget destinato a progetti di innovazione, inoltre il 14% del panel dichiara che gli investimenti in IT occuperanno una voce parti al 3%.