È appena terminata la manifestazione “Villaggio per la Terra” dedicata alla tutela del Pianeta e organizzata nell’ambito del 49esimo anniversario dell’Earth Day: cinque giornate di iniziative con un focus particolare sugli obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite  e 17 piazze multimediali dedicate ai singoli obiettivi.

Anno dopo anno questa manifestazione è cresciuta moltissimo – ha detto Kathleen Rogers, Presidente dell’Earth Day Network  –  fino a diventare l’evento globale che è oggi con un messaggio che è ormai diventato centrale nella nostra cultura. Siamo fieri di tutto questo”.

Tantissimi gli eventi e le iniziative: fra questi, di particolare interesse, la riflessione dedicata all’innovazione quale fattore determinante nel percorso verso la sostenibilità e chiave di volta per vincere la sfida contro i danni della produttività esasperata che ha contraddistinto il nostro modello di sviluppo. Numerosi gli imprenditori e decision maker che si sono confrontati sul tema nel corso del talk “R-Innovare lo sviluppo, l’innovazione per lo sviluppo sostenibile” con l’obiettivo di individuare nuove strade per aumentare il benessere rispettando i principi della sostenibilità ambientale e della giustizia sociale attraverso l’innovazione.

Da un anno abbiamo puntato all’innovazione inclusiva – ha sottolineato Laura Aria, Direttore generale per gli Incentivi alle Imprese del Ministero dello Sviluppo Economico con incentivi che dovrebbero aumentare la competitività del Paese. Dal 2021 al 2026 saranno tutti orientati in questa direzione”.

In Italia migliorano significativamente gli indicatori della banda larga per le famiglie – ha dichiarato Giulio Lo Iacono, membro del Segretariato ASviSma ancora troppo poco rispetto alla media europea ed in più c’è una maggiore intensità di emissioni di CO2 dell’industria manifatturiera. Questo ci suggerisce che dobbiamo accelerare il tasso di innovazione del sistema economico e ricordarci che la vera innovazione è quella che consente di progredire simultaneamente sul piano economico, ambientale e sociale.”

Il ruolo delle grandi aziende di telecomunicazioni – ha affermato Massimo Angelini, Direttore Public Affairs, Internal & External Communication di Wind Tre – non è più soltanto quello di essere ‘costruttori di reti’ o fornitori di connettività.  Nel nuovo scenario aperto dalla Digital transformation, oggi è fondamentale che le Telco anticipino gli sviluppi della tecnologia e contribuiscano a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità attraverso il digitale. Wind Tre, da tempo impegnata in questa direzione ha pubblicato il rapporto ‘L’innovazione digitale per gli SDG’s, di cui è prevista a breve una seconda edizione: si tratta di uno studio partecipato sullo scenario attuale e futuro per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, grazie alle nuove tecnologie. Le città intelligenti saranno il focus delle nuove applicazioni e dei nuovi servizi, disponibili grazie al 5G e alle infrastrutture digitali“.  

Su questi temi  Gabriele Ferrieri, Presidente dell’Associazione Nazionale Giovani Innovatori ha aggiunto: “Lavoriamo per costruire le Smart Cities del futuro e questo passa necessariamente per il rispetto dell’ambiente”.

Tante le opinioni su come sostenere il necessario cambiamento nei nostri modelli di sviluppo, di produzione e di consumo e un’unica certezza comune: la grande responsabilità che gli imprenditori e i decisori di oggi hanno nei confronti delle generazioni future.

Pierluigi Sassi, Presidente di Earth Day Italia.

“Il Villaggio è un’esperienza unica nella quale centinaia di organizzazioni cooperano per realizzare una grande festa senza speculazioni economiche, politiche o culturali. Si celebra in modo esclusivo e libero la bellezza della Terra e delle relazioni umane per gridare a tutti l’importanza di questo straordinario patrimonio che una esasperata economia di mercato sta mettendo seriamente in pericolo. Non nascondo che l’impegno per ottenere questo risultato è immane. Speriamo e confidiamo che altrettanto imponenti siano i frutti di questo impressionante lavoro” ha dichiarato  Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia